Trattativa per il rinnovo del CCNL di settore – Incontro del 17 Gennaio 2017

17 gennaio  2017, si è svolto il programmato incontro tra Associazioni Datoriali e Sindacali, in ordine al rinnovo del CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari.
L’incontro,  che si è svolto in un clima di fattiva collaborazione,  ha consentito ai partecipanti di meglio chiarire nel dettaglio le reciproche posizioni  in ordine alla sfera di applicazione del CCNL,  per quanto attiene alla Sezione dei Servizi Fiduciari: come già riportato nei precedenti memo, trattasi di questione della massima importanza nell’attuale fase congiunturale, dove, sempre più spesso, i committenti  pubblici o privati  di medie e grandi dimensioni,  predispongono bandi di gara per l’affidamento di “servizi di sicurezza integrati”,  nel cui capitolato è previsto l’espletamento, senza soluzione di continuità, di servizi di vigilanza da svolgersi a mezzo guardie giurate e servizi di sorveglianza – controllo accessi –  da svolgersi a mezzo personale non avente tale  qualifica.
In particolare,  la nostra Associazione ha ribadito con forza il concetto che se la parte “sana” del settore vuole vincere la sfida di mercato alla quale sarà chiamata nei prossimi anni,  dovrà  necessariamente dotarsi di un CCNL che ricomprenda nel suo campo di applicazione, in maniera chiara ed organica,  tutte quelle attività che riguardano la sfera della sicurezza armata e non,  e che detto contratto,  in quanto negoziato dalle Organizzazioni Sindacali e Datoriali comparativamente più rappresentative, dovrà assumere un ruolo di centralità e fungere anche da parametro di riferimento  per la determinazione del costo del lavoro e la valutazione di anomalia dell’offerta nei pubblici appalti.
A questo proposito Assiv ha quindi richiesto che la  sfera di applicazione della  Sezione Servizi Fiduciari del CCNL  in corso di negoziazione, venga estesa   ai rapporti di lavoro relativi alle seguenti attività :
a) servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi di cui  al Decreto Ministeriale 6 ottobre 2009;
b) attività degli “steward” negli impianti sportivi di cui al Decreto Ministeriale 8 agosto 2007.
Nel contempo,  al fine di consentire chiarezza applicativa ed evitare inutili sovrapposizione con CCNL di altri comparti,  le Associazioni datoriali hanno fornito la loro disponibilità a meglio definire ed individuare il campo di applicazione di alcune attività, che potranno essere svolte dal personale ricompreso nel campo di applicazione dei “Servizi Fiduciari”,  non in via principale o esclusiva, ma solo in via residuale, ed in quanto funzionalmente collegate,  alla prevalente  attività di security.
Infatti, nel vigente CCNL, alcune  attività,  seppur svolte in maniera eventuale e residuale dagli addetti al settore dei “Servizi Fiduciari” ( quali a titolo meramente indicativo le attività di “bigliettazione ed ausiliarie alla viabilità”),  per come indicate all’art.1,  disciplinante la sfera di applicazione, potrebbero ingenerare  confusione interpretativa circa il reale perimetro di applicazione del contratto collettivo: a tal proposito, alla prossima riunione prevista per il 15 febbraio p.v., le Associazioni Datoriali presenteranno alle OO.SS un documento,  nel quale verranno meglio esplicitati e definiti i concetti sopra descritti.
17 gennaio  2017, si è svolto il programmato incontro tra Associazioni Datoriali e Sindacali, in ordine al rinnovo del CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari.
L’incontro,  che si è svolto in un clima di fattiva collaborazione,  ha consentito ai partecipanti di meglio chiarire nel dettaglio le reciproche posizioni  in ordine alla sfera di applicazione del CCNL,  per quanto attiene alla Sezione dei Servizi Fiduciari: come già riportato nei precedenti memo, trattasi di questione della massima importanza nell’attuale fase congiunturale, dove, sempre più spesso, i committenti  pubblici o privati  di medie e grandi dimensioni,  predispongono bandi di gara per l’affidamento di “servizi di sicurezza integrati”,  nel cui capitolato è previsto l’espletamento, senza soluzione di continuità, di servizi di vigilanza da svolgersi a mezzo guardie giurate e servizi di sorveglianza – controllo accessi –  da svolgersi a mezzo personale non avente tale  qualifica.
In particolare,  la nostra Associazione ha ribadito con forza il concetto che se la parte “sana” del settore vuole vincere la sfida di mercato alla quale sarà chiamata nei prossimi anni,  dovrà  necessariamente dotarsi di un CCNL che ricomprenda nel suo campo di applicazione, in maniera chiara ed organica,  tutte quelle attività che riguardano la sfera della sicurezza armata e non,  e che detto contratto,  in quanto negoziato dalle Organizzazioni Sindacali e Datoriali comparativamente più rappresentative, dovrà assumere un ruolo di centralità e fungere anche da parametro di riferimento  per la determinazione del costo del lavoro e la valutazione di anomalia dell’offerta nei pubblici appalti.
A questo proposito Assiv ha quindi richiesto che la  sfera di applicazione della  Sezione Servizi Fiduciari del CCNL  in corso di negoziazione, venga estesa   ai rapporti di lavoro relativi alle seguenti attività :
a) servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi di cui  al Decreto Ministeriale 6 ottobre 2009;
b) attività degli “steward” negli impianti sportivi di cui al Decreto Ministeriale 8 agosto 2007.
Nel contempo,  al fine di consentire chiarezza applicativa ed evitare inutili sovrapposizione con CCNL di altri comparti,  le Associazioni datoriali hanno fornito la loro disponibilità a meglio definire ed individuare il campo di applicazione di alcune attività, che potranno essere svolte dal personale ricompreso nel campo di applicazione dei “Servizi Fiduciari”,  non in via principale o esclusiva, ma solo in via residuale, ed in quanto funzionalmente collegate,  alla prevalente  attività di security.
Infatti, nel vigente CCNL, alcune  attività,  seppur svolte in maniera eventuale e residuale dagli addetti al settore dei “Servizi Fiduciari” ( quali a titolo meramente indicativo le attività di “bigliettazione ed ausiliarie alla viabilità”),  per come indicate all’art.1,  disciplinante la sfera di applicazione, potrebbero ingenerare  confusione interpretativa circa il reale perimetro di applicazione del contratto collettivo: a tal proposito, alla prossima riunione prevista per il 15 febbraio p.v., le Associazioni Datoriali presenteranno alle OO.SS un documento,  nel quale verranno meglio esplicitati e definiti i concetti sopra descritti.
ASSIV